Poesia Dialettale

Don Gianfranco Ambrosini è l’autore della poesia in versi dialettali, con la quale narra la storia del “Castello Rospigliosi”. Egli attinge a una documentazione storica del territorio padovano.
Don Gianfranco fu parroco a Centrale di Zugliano dal 1978 al 2010: 32 anni di intensa attività pastorale e ministeriale. È mancato il 13 febbraio 2019 dopo aver trascorso i suoi ultimi esercizi spirituali proprio nella casa di preghiera Gesù Maestro. In quella circostanza ci lasciò questa preghiera che riteniamo fra le ultime sue composizioni.



Preghiera!
Nelle mani di Dio

Signore, fa che io sia nella tua mano,
come la creta che il vasaio impasta.

Tu che dal fango il primo corpo umano
formasti con idea grandiosa e vasta.


Fa' di me come un vaso di elezione
che zampilla per l'acqua fresca e viva
e disseta e consacra, quale unzione,
anime stanche, assetate e priva


per sempre il brucior della passione.
Fa' che si colmi della tua pienezza

e la diffondi in pacifici doni.

Fa' che lo Spirito mi penetri e formi
come l'Apostolo ed infranga e spezza
purché a Te nell'offerta si uniformi.

Amen


Don Gianfranco Ambrosini


 



CASA DIVIN MAESTRO già CASTELLO "S. ROCCO" Vulgo VILLA ROSPIGLIOSI


Quando de note sto tornando a casa
e vardo in alto in serca de na stela
ciara e vissina, quasi che la basa,
te vedo "croce" luminosa e bela.

La stà davanti, vardàndola de jorno
a on parco e ti te pensi al paradiso,
co' nà fontana nel giardin, contorno
a 'na villa de stile ben preciso.

* alberato nel 1908
'Na volta, i ne contava, qua ghe jera
la cesa de S. Roco, proprio in xima,
co' na caseta postà tuta a sera
pa 'l custode che serca sto bon clima.

*"in cacumine montis"
Da là ghe xè passà pitori e santi
e preti "vaghi”, sensa garansie
e peccatori, no se sa, ma tanti
rivai fin là da tante traversie.

Ghe jera ne la cesa de S. Roco
tele de autori come un tal Maganza
e altri ancora. D'oramai xè on toco
che i ga trovà l'onore in altra stanza.

*Nella Visita Pastorale del 1533 si afferma:" iam annis septuaginta fabricata". Ergo: 1463, circa.


Par qua xè passà frati francescani
che i celebrava messe de "legati".
Ma 'l vescovo, avuda tra le mani,
la donassion sbaglià, gà roto i pati.

*Fr. Leonzio di Nicoletti accetta il 24.IV.1590 la donazione.

*Il vescovo Federico II Corner l'8.IX.1592 invalida l'atto.
I "confratelli" alora i serca altrove
frati de bona stofa : garansia,
con carte a posto de sicura prova
e nel rispetto dell ortodossia..

°Il nobile vicentino ENEA REPETTA fa da intermediario
Chi gai trovà ? Dei Frati de clausura,
"camaldolesi" de Monte Corona
provenienti da l'eremo de Rua.
Na scelta indovinà e pì che bona.

*Fra Barnaba e fra Alessandro, sacerdoti camaldolesi di Monte Corona accettano la donazione l'8.XII.1598
Ma presto i gà comprà n'altra colina
sora S.Roco, col teren pì pian
e con pì campi : sora la trentina,
da cavar fora on toco anca de pan...

Dosento e qualche ano i xè stá qua,
su le Bregonze, amai da tuti quanti,
anca dai preti, par la gran pietà
e devossion portà a tuti i Santi.

*Dal 1599 al 1814
Però no 'l jera santo Napoleon
che passando de qua li gà sopressi
portando via i quadri, boccon bon,
lassàndo, vode, le cornise e i gessi.

*Decreto di sopressione in data 29.IV.1810
La cesa de S. Roco abandonà
la gà ciapà la peste del so santo.
magnà dal tempo e da l'umidità.
L'era finia, e no ghe jera scampo.

*Caddero a poco a poco le mura pietose e solo ruderi informi e cunicoli sotterranei, imprigionati dall'edera restarono a testimoniare il passato"- da IL CASTELLO S. Rocco

Che pecà veder tuto andar distruto
Ma cosa farne de sti sassi in mucio ?
Qua l'edera vestiva tuto a luto
e ghe fasea i russari on bel capucio.

E vien el jorno de la gran riscossa.
Na principessa, originaria inglese
la gà pensà de fare su calcossa
pagando con sterline le so spese.

*Mildred Haseltine n 1879 deceduta a Roma 1946

*Acquista la zona nel 1906.
Cussi pì che la cesa on bel castelo
xe sorto par incanto in xima al monte.
Gnanca na fata lo gavea pì belo
de pace e de silensio vera "fonte".

Ani bei per Sentrale ! Tanti andava
a lavorare da sta granda siora
La paga assicurà sempre la dava.
e forza necessaria a chi lavora.

La prima grande guera porta el luto
nel castelo. El Principe tenente
de cavaglieri i gà copà. Che bruto
partir da capo come fusse niente.

°Mori in una carica di cavalleria il 30.X.17
Ne la seconda guera, trovo scrito,
che profughi istriani e "esse esse"
gà trovà aiuto propio in questo sito
sensa badare tanto a l'interesse.

*Furono ospitati con gli istirani, anche la famiglia del Generale della X^MAS Giuseppe Corrado.
I partigiani i se gà fato vivi
sparando anca de note e dei briganti
pì che soldai co atti corrosivi
sparir gà fato argenti e dei brilanti.

Finia la guera vien le votazioni
La monarchia la pare tanto incerta
La repubblica la marcia con squadroni
e la casa Savoia xè sta coerta.

*La Monarchia sabauda esce sconfitti nelle votazioni 46
La principessa la se vede persa
senza Re la se sente scoronata.
I comunisti con teoria diversa
fasea sparire propietà privata

*Dopo la proclamazione della Repubblica va a Roma dove muore nel novembre dello stesso anno.
Cussì la vende tuto e la va a stare
a Roma par trovare on fià de quiete.
Quadri e mobilio gà tacà a volare
fin che no i xè rivà a giuste mete.

*Primo acquirente: Fam Grendene di Thiene.
Dei religiosi nati par far scola,
deti "Fratelli de Scuole Cristiane"
par diese ani e pì gà fato spola
fin che i gaveva l'acqua da fontane.

*Acquistano nel 1948 e vendono nel 1960
Ciapai pal colo i gà vendesto el sito
a Suore che volea tocare el cielo.
Le jera tanto "Pie" e in ogni rito
le se vestìa de celestino velo.

L'è diventà na "Casa de Preghiera"
e tanti i core su e sta in ritiro;
a volte i resta su anca de sera
Finio... i vol tornar par n'altro giro.

Doramai sta gran villa jera vecia
e la gavea bisogno de rifarse
el truco non con spatola e na secia
ma cambiando solari, muri e malte.

*Ultimo restauro è del 1929, furono costruite le mura merlate e fu posta la scritta all'ingresso CASTELLO S. Rocco
Ga incominsià i lavori massacranti.
Chi mai pensava a sto rabaltamento.
Fasea pecà veder tuti gli impianti
spacai sensa, se dise, sentimento.

E dopo aver portà tanta pasiensa
xè terminà i lavori e col trasloco,
sistemà la cusina e nova mensa,
ognuno gà trovà so giusto loco.

E n'altri, qua, stasera, in allegria
brindemo a chi gà fato pì fadiga.
Ringrassiemo el Signore, e cosi sia !
e chi sgobando se ga tolto briga.

°Si può fare un nome: Sr. Ornella
Cantemo l'alleluia, si, pasquale
che l'esodo stavolta xè finìo.
La vita xè tornà al so normale,
ma alquante suore ne gà dà l'addio.

°Chi per Roma e chi per l'eternità
Vegnì su gente a riposarve on poco
qua troverè sincera simpatia
Diventerà la villa par on toco
Cenacolo che fogo sempre impija.

A chi xè sta l'artefice geniale
ghe batemo le man con complimenti
e a quanti la so man ga dà cordiale
el Signore ghe daga dì contenti.

°L'Ing. Thiella
Hurrà par villa detta "Rospigliosi",
Viva el Castelo del Divin Maestro
Signore fane tuti fervorosi
da salvarse vivendo con bon estro.

Ascòltene, Gesù, Divin Maestro !.


Centrale - 12 aprile 1997



La scansione della poesia dialettale è scaricabile dal seguente pulsante.


Scarica




Ne traccia un sincero profilo don Mario Morellato nel giorno del suo commiato.

http://www.diocesipadova.it/don-gianfranco-ambrosini-ora-vive-nel-padre/

Contattaci

36030 - Via San Rocco, 2 - Centrale di Zugliano (VI), Italia

Privacy e Cookie Policy

Newsletter

Inserisci la tua email e ti aggiorneremo sui nostri eventi ed iniziative

© Copyright PIE DISCEPOLE DIVIN MAESTRO 2020. Design & Development by Marcel Fontana

Search